MASSIMI E MINIMI FANNO LA DIFFERENZA…

MASSIMI E MINIMI FANNO LA DIFFERENZA

Credo che molti pensino che investire sia un gioco, ma e’ esattamente un lavoro come un’altro.
Il trading si deve capire come funziona, si deve provare e testare e con il mio affiancamento i
test si perfezionano e si diventa dei professionisti.
E’ tutto qui, io ci ho messo anni, perche’ non avevo nessuno che mi diceva: si e’ giusto, no e’
sbagliato, tu ci metterai mesi grazie ad una persona (cioe’ io) che ha passato tutta la trafila
psicologica dalla tristezza e conti bruciati fino al profitto.
L’atteggiamento mentale che si deve avere quando affrontiamo i mercati e’ di totale umiltà non
siamo noi a cercare un’investimento ma e’ il mercato che ci da’ l’opportunita’ d’investire,
leggi queste parole molte volte, scrivetele su un foglio e rileggile sempre, prima di investire.
Questa e’ la base psicologica per diventare dei professionisti.
Oggi ti parlo di massimi e minimi,  sono loro che danno la spinta e la direzione del prezzo.
Tutto parte da questo concetto molto semplice ma che nessuno ne parla, forse perchè
preferiscono utilizzare indicatori ed oscillatori scavalcando quello che esiste dal 900′.

MASSIMI E MINIMI FANNO LA DIFFERENZA

Nota, a sinistra hai i massimi disegnati su un foglio bianco che salgono, quindi abbiamo un trend in salita, e a destra e’ la stessa cosa ma rapportato al classico grafico a candele.

Non servono indicatori ed oscillatori per capire che cosa fara’ il prezzo, basta allenare l’occhio, come fanno i miei allievi sotto la mia super visione.

L’occhio e’ il miglior indicatore al mondo.

Conclusione: il  miglior modo per capire il movimento del prezzo e’ seguire i suoi massimi e minimi, cioe’ quei movimenti che il prezzo fa’ da quando esistono le candele.

Se vuoi entrare gratuitamente nel gruppo Facebook dove trovi articoli video tips ecc

CLICCA QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.